L'Ariège è una destinazione i cui terreni sono ricchi di minerali, che le popolazioni hanno sfruttato per secoli, sostenendo e insediando migliaia di persone nelle valli dell'Ariège. L'estrazione dei minerali, lo sfruttamento dei nostri fiumi tramite mulini o centrali idroelettriche, la costruzione di dighe, la produzione di carta hanno fatto girare l'economia delle valli dell'Ariege fino alla metà del XX secolo.esimo secolo.

La Valle di Biros

Le valli di biros o auzat hanno vissuto a lungo al ritmo dell'estrazione di piombo, zinco e persino ferro. Il Miniere di Bentaillou e Bulard sono l'esempio perfetto: siti minerari di riferimento situati tra i 1650 ei 2070 m sul livello del mare, lo zinco e il piombo d'argento furono estratti dal 1850 al 1950. 

Bulard era anche chiamata Macchu Picchu ed era la miniera più alta d'Europa. I 6 pozzi della miniera forniscono un minerale estremamente ricco che ha giustificato il loro sfruttamento. Nel 1907, la miniera di Bentaillou impiegava più di 500 persone venute a stabilirsi a Biros, per lo più uomini, i cui figli si ritrovarono a scuola a Sentein, che poi accolse più di 200 studenti.

Dalla fine della prima guerra mondiale fu annunciato il declino. L'esaurimento dei minerali, i costi di esercizio dovuti all'altitudine dei giacimenti, l'esodo rurale saranno la ragione di queste operazioni ... 

La valle dell'Auzat

Gli mine rancide dalla valle di Sem (Goulier) hanno sfruttato il ferro del bacino lungo 19 km lungo il Pic de Rizoul (Goulier), sin dal Medioevo. Il ferro è stato sfruttato anche a Lercoul, Miglos, Larnat e persino a Château Verdun. In tempi moderni, la miniera di ferro si sta sviluppando fino a diventare lo sfruttamento più importante dei Pirenei francesi. Fu negli anni '1930 che la miniera chiuse, a seguito di un incidente, i lavori di ricostruzione che rendevano l'attività poco redditizia a fronte della crescente concorrenza delle altre miniere scoperte.

Questi siti sono caduti nell'oblio, ma l'abilità delle costruzioni e la storia dietro di loro affascinano ancora gli escursionisti.

e oggi allora?

  • Talco 

Il talco è sempre stato parte della vita umana, con i Cro-Magnon che già lo utilizzavano per l'arte rupestre migliaia di anni fa. A Luzenac è ​​uno spettacolo eccezionale che si svolge davanti agli occhi attoniti dei visitatori: la più grande cava a cielo aperto del mondo. Ad un'altitudine di 1800 m, produce più di 400 tonnellate di talco all'anno, che arriva ai 000 angoli del pianeta! Questo dimostra che l'Ariège è ricca di minerali! 

  • Energia idroelettrica 

I torrenti e le dighe lacustri come per loro, servono per alimentare i mulini e le centrali idroelettriche che sono formidabili luoghi di visita, sulla storia dello sfruttamento dell'acqua nei Pirenei. Da Foix a Orlu, le visite a questi siti sono affascinanti e ne stupiranno più di uno!

  • Marmo

Le prime opere di sfruttamento del marmo nei Couserans risalgono all'epoca romana e da allora il marmo di Aubert à Moulis è ancora un sogno. Marmo raro e di alta qualità, in contrasto bianco e nero, adorna i più grandi monumenti del mondo, dall'Hagia Sophia a Istanbul agli Invalides a Parigi passando per l'hotel Roosevelt negli Stati Uniti.


Scopri tutti i luoghi da visitare!