Per sfruttare al meglio le belle giornate di tarda primavera, abbiamo deciso di recarci nella piccola “Ariège Amazonia”; direzione Roquefort-les-cascades ! Un luogo che entrambi volevamo scoprire da tempo, e che ci ha conquistato con i suoi accessibilitàIl suo atmosfera bucolicaIl suo ambiente naturale eccezionale. Insomma, una location da sogno per una bella passeggiata con la famiglia, da soli o in coppia!

Le cascate del Roquefort, spot 4 stagioni

Le cascate del Roquefort, idealmente situato in Ariège (dal momento che solo 25 minuti da Foix), è un posto per 4 stagioni! Su 30m di altezza, "la Turasse", forma un susseguirsi di bellissime cascate chiamate "pietrificanti" (spieghiamo di seguito)

Perché è un posto 4 stagioni?

  • Au printemps la vegetazione si risveglia dal suo "letargo", e l'acqua scorre libera grazie allo scioglimento delle nevi, e ai forti periodi di pioggia.
  • In inverno, sono congelati.
  • In estate, le cascate sono secche (o quasi secche) ma la vegetazione è rigogliosa, e di un verde incredibile.
  • In autunno, idem, sono secche e assumono colorazioni arancio/marrone.

Una passeggiata intorno alla cascata della Turasse

È stato a fine primavera/inizio estate che abbiamo avuto l'opportunità di andarci. Abbiamo preso la strada da Foix, che passa per il la sua valle. Un percorso sublime costellato di vecchi cartelli Michelin che indicano le distanze tra i paesi. È una bella strada di campagna, dai molteplici punti di vista e dall'atmosfera bucolica.

Parcheggiamo ai piedi delle cascate (parcheggio) e in appena 1 minuto siamo all'inizio dell'escursione, che ci farà scoprire tutte le Cascate Turasse, o Cascades de Roquefort.

L'acqua scorreva ancora dalle recenti piogge e dalla fine dello scioglimento della neve. Dal nostro arrivo in fondo alle cascate, che delizia! L'acqua che scorre, e il verde della vegetazione, il muschio sui muri... è così impressionante che pensi di essere in un altro mondo... non ti vedi!  

Inizia la passeggiata e raggiungiamo velocemente un primo livello dove il Cascata Turasse ci svela tutto il suo fascino. Il dolce suono dell'acqua cristallina che si mescola al canto degli uccelli, ci culla, ci disorienta... il tempo si ferma, e abbiamo l'impressione di essere proprio nel cuore... dall'Amazzonia (Lara Croft farebbe meglio a stare attenta!).

Ad ogni nostro passo sprofondiamo in un ambiente completamente nuovo, dove vegetazione, scogliere, foreste, umidità, cascate... e grotte, si intrecciano segni di pipistrelli!

Decidiamo di osservarli da lontano e tracciare la nostra strada per raggiungere il punto più alto dell'escursione, dove ci aspetta (sembra) un superbo punto di vista sulla valle dell'Hers.

Finalmente arrivati, un piccolo spazio tra gli alberi ci lascia liberi di ammirare il panorama. È qui che ti rendi conto dell'altezza e la vista è magica. Durante la discesa ci prendiamo il tempo per fermarci un'ultima volta a guardare questo luogo eccezionale.


Al ritorno abbiamo preso una strada diversa per fermarci a mangiare in un ristorante di Nalzen: Les sapins.

Les Sapins è una locanda di charme, ai margini di una pineta, a due passi da Roquefort, che serve piatti realizzati con prodotti locali, lavorati con amore. Un bel ristorante che promuove i cortocircuiti e mette la creatività al servizio della gastronomia dell'Ariège, per creare piatti originali.

In breve, un ottimo indirizzo!

informazioni pratiche

La balade che fa il giro delle cascate è davvero facile, ed è ideale anche con bambini dai 6 anni in su, purché muniti di buone scarpe (perché a seconda della stagione il terreno è a volte fangoso e scivoloso).
È necessario contare:
- 30 minuti a piedi
- 104 m di dislivello
Fare attenzione a camminare sul sentiero, per non danneggiare l'ambiente.
Tavoli da picnic in loco e punto ristoro aperto in estate.

Il fenomeno della "tufière"

Le cascate sono stupende perché producono un fenomeno estremamente raro, e per di più fragilissimo: il tufo. Il tufo è anche chiamato “cascata pietrificante”. L'acqua piovana si carica di anidride carbonica a contatto con il suolo e diventa acida. Scioglie così il calcare del massiccio in cui circola e forma crepe e gallerie (rilievo carsico). Quindi emerge all'aria aperta, dando origine a una sorgente.

Le acque sono anche cariche di solfato, e questo provoca un anomalo deposito di calcare a contatto con l'aria. Il calcare si deposita poi sulle specie vegetali, “pietrificandole” e creando così questa roccia molto particolare, chiamata “tufo”.

Questo fenomeno rende il luogo davvero eccezionale, e come tutte le cose eccezionali, va curato: solo camminare sui sentieri, non nuotare, non toccare la roccia… e così via!

La Terra di Olmes, un luogo inesauribile di scoperte

Vicino a Cascate del Roquefort, abbiamo la possibilità di brillare facilmente in tutto il Paese di Olmes. Ad esempio, avevamo individuato il Fontana di Fontestorbes, un posto che sembra così magico! Nelle vicinanze c'è anche il Foresta di Belesta, e i suoi alberi centenari, o Camon, i borghi più belli di Francia, la città dei cento rosai ❤️

Conserviamo queste scoperte per una prossima tappa in Ariège!


È molto vicino a qui...

Come arrivare a Roquefort-les-Cascades?

Ci sono voluti circa 25 minuti per viaggiare da Foix, attraverso la valle di Hers.

Puoi accedervi anche da Tolosa, prendendo la A66 fino a Pamiers. Una volta sulla superstrada (N20) prendere l'uscita 7 verso Varilhes verso St-Felix-de-Rieutord poi Carla-de-Roquefort e infine Roquefort-les-Cascades. 1h15 di viaggio.

È possibile parcheggiare ai piedi delle cascate.

Roxane

Auteur

Roxane

Passeggiare, contemplare, prendere gli occhi pieni, è quello che mi piace di più! Sempre alla ricerca di pepite visive, mi piace essere sorpreso da una città medievale, un castello, una casa di campagna o anche i grandi spazi aperti! Il mio preferito in Ariège? Il Plateau de Beille. Il luogo ideale per disconnettersi dalla vita di tutti i giorni e godersi la vita!

Articoli più simili

Scopri tutte le avventure simili in Ariège Pirenei

Dolce Vita da Carla Bayle

Dolce Vita da Carla Bayle