Tic, Tac, Tic, Tac! L'inverno è arrivato, anche la neve, hihihi! Non vedevo l'ora di rimettere gli sci e finalmente provare ... sci alpinismo. Un ottimo primo per me. Pratico la montagna ogni volta che posso e scio da quando avevo 6 anni. Le piste rosse e nere sono di gran lunga le mie preferite! Ma questa è l'occasione per rompere le pietre miliari e scoprire nuove aree con gli sci. Ecco un'entusiasmante microavventura con suggerimenti per vivere un vero divertimento in montagna invernale.

In poche parole

Luogo di partenza : Ascou - Arrivo: Pic du Tarbésou
Difficoltà: Moyenne
Pendenza: faible
Durata: ½ giornata
Tipo: C Andata e ritorno
Menù : IGN TOP 25: 2248ET Axat Querigut

Il consiglio locale

  • Alla partenza, la gara si svolge nel comprensorio sciistico Ascou Pailhères, gli sciatori hanno la priorità, per la sicurezza di tutti, stare vicino alle piste da sci.
  • In cima la neve è spesso ghiacciata, fornite i coltelli.

La cima classica del Tarbesou (2 m)

"LA" classica uscita per iniziare lo scialpinismo: è "Tarbesou"! Una salita piuttosto semplice, uno sforzo misurato e un panorama straordinario!

Eccomi alla mia prima uscita di sci alpinismo con il mio amico Guillaume. Ci fermiamo al negozio locator per noleggiare l'attrezzatura che provo velocemente, sono così impaziente! Eccoci alla stazione di Ascou Pailhères. Andiamo per una mezza giornata di neve piena. Scendendo dall'auto, approfittiamo del fresco dell'inverno, che rinvigorisce i nostri volti e le nostre narici. Semplice piacere, solo felicità!

Equipaggiati: coltelli, pelli ...

Pelli di foca, cunei, coltelli, ARVA (Avalanche Victim Search Device), pala, sonda, airbag! Ecco un vocabolario che ho scoperto durante questa prima uscita di scialpinismo. Fortunatamente ho noleggiato tutta questa attrezzatura e Guigui si è preso il tempo di spiegarmi come funziona l'ARVA.

ARVA, pala, sonda: attrezzatura essenziale

Prima di partire pianifica: ARVA, pala, sonda e, perché no, anche l'airbag. Lo sci di fondo richiede la conoscenza della montagna e della scienza della neve (studio del manto nevoso). Prima di un'uscita, è importante testare il tuo ARVA * con i tuoi compagni di corda allenandoti per la ricerca.
 
Informazioni più precise sul sito ANENA: Associazione Nazionale per lo Studio della Neve e delle Valanghe.
Per preparare in dettaglio il tuo viaggio, visita il sito web del FFME.

Prima della nostra gara, abbiamo impiegato 45 minuti per testare l'attrezzatura per familiarizzare con gli strumenti. Più volte ha nascosto il suo ARVA nella neve che ho dovuto cercare con il mio, poi la sonda, poi la pala.


Dotiamo gli sci con le loro pelli sugli sci per poter salire e partiamo per la nostra salita di circa 680m.

Andiamo!

La partenza è dalla stazione percorrendo i lati delle piste, in questo giorno la stazione è ancora chiusa.

Arriviamo al parcheggio chiamato ambulanza che può anche essere un punto di partenza. Può risparmiare venti minuti ed evitare la stazione. Qui è anche dove si trova lo skilift Mounégou dove l'ombra è sempre su di noi. Continuiamo. Finalmente il sole arriva a scaldarci il viso. Cominciamo a salire a sinistra dello skilift Régalécia e della pista Fontnere, un pendio leggermente ripido, dove imparo a mettere i blocchi di arrampicata sugli attacchi. Molto pratici, ti permettono di aggiungere altezza e compensare la pendenza. Fondamentalmente riduce lo sforzo.

Prime conversioni

Ma LA grande scoperta, la mia preferita! Conversioni, la mia flessibilità di calciatore non è assolutamente all'altezza del compito… pffff per me, un vero dolore da raggiungere !!!

Fortunatamente la neve è buona e Guigui tiene traccia, il che facilita i miei progressi fino a pla de mounégou. Si avanza andando a destra sull'ampia cengia che porta in vetta, all'inizio la pendenza è abbastanza dolce poi alla fine un po 'ripida, soprattutto perché le condizioni della neve si fanno sempre più difficili.

Nonostante il sole, il vento gela i nostri volti e la neve è completamente “incrostata”, quindi sto imparando a usare i coltelli. Una volta in cima, non ti fermi, fa così freddo. Ci togliamo i guanti per togliere meglio le pelli dagli sci. Sono talmente tesa dal freddo e concentrata sulla materia che non possiamo chiedermi altro, mi dimentico persino di fare una foto mentre il freddo ci prende?

Un ineguagliabile belvedere e spazio di libertà

La vetta del Tarbesou è uno dei belvedere più belli dell'Ariège, una vista a 360 ° sui pre-Pirenei con il massiccio del Tabes e il Pic du Saint Barthélémy. Puoi anche osservare il Canigou, il Dent d'Orlu, il picco Rulhe, il Roc Blanc,…. e gli stagni di rabassolles congelati per l'occasione invernale.

Quel giorno, in cima, il tempo non è per sognare ad occhi aperti e contemplare, ma essendoci andato più volte in inverno e in estate, Tarbesou è uno dei miei primi 5.

Quindi eccoci pronti per partire. Mettiamo scarpe e attacchi in modalità downhill e scivoliamo dolcemente sul ghiaccio. Arrivato sulla piccola cengia sottostante, mi rendo conto di aver fatto lavorare bene il cardio per tutta la salita! Le mie cosce erano molto calde, sono state usate. Quello che il mio amico non mi aveva detto era che dovevi gestire i tuoi sforzi in salita per sfruttare al meglio la discesa. Sento le mie gambe tremare molto ma il cervello prende il sopravvento.

Inoltre, in seguito ho guardato dei video su Youtube per imparare come iniziare a fare sci alpinismo! Ho messo qui un video che ho trovato abbastanza buono!

Iniziamo LA discesa nella valle sottostante. Io sono lì ! Sto facendo le mie prime tracce ! In questa valle le condizioni sono ottime. Sembra cotone.
Nessun rumore, il sogno, pedaliamo e quasi non sentiamo volare la neve, le nostre curve sono silenziose, i nostri bordi non tagliano la neve come possiamo sentire nella località. Questa sensazione di galleggiamento in una neve così eccellente, in questi grandi spazi è davvero esaltante. Se dovessi definire cosa pura felicità, libertà, beh, l'ho appena fatto.

Facciamo una pausa “barrette di cereali” ai piedi della vetta, dove il vento si è calmato, il passo di Pailhères e la piana di Mounegou offrono uno spazio degno dell'estremo nord. Alcuni vengono da altrove per fare snowkite quando le condizioni sono buone. Torniamo al resort prendendo la pista nera moresca non battuta quel giorno, una pura discesa al fresco. 

La mia prima salita e le mie prime curve nello sci alpinismo sono state impegnative ma così esaltanti !!! I sentimenti di felicità della libertà erano così superiori ai dolori delle mie cosce e vesciche che oggi questa attività fa parte della mia vita. Non appena nevica le spatole si dimenano e usciamo in attesa dell'apertura delle stazioni. Durante le vacanze o nei fine settimana è anche un modo per approfittare degli spazi vergini, silenziosi e dello scivolamento.

E la domanda che ci poniamo molto spesso, quando ci mettiamo le scarpe?

Caroline

Auteur

Caroline

Ogni giorno dell'anno, sono un grande fan degli sport all'aria aperta in Ariège e in tutta la Francia: trekking, mountain bike, sci, sci alpinismo, rafting, canyoning ... Mi imbarco con me il mio compagno, mio figlio e il mio cane Snow in (quasi) tutte le mie avventure! Cosa preferisco in Ariège? I grandi spazi aperti e lo spirito di libertà che vi regna.

Articoli più simili

Scopri tutte le avventure simili in Ariège Pirenei

Arrampicare in Ariège, una storia che dura

Arrampicare in Ariège, una storia che dura

Ho provato lo slittino di Guzet su rotaie

Ho provato lo slittino di Guzet su rotaie

I bagni couloubret nell'après-ski

I bagni couloubret nell'après-ski