La grande traversata dei Pirenei (GR®10), dall'Atlantico (Hendaye) al Mediterraneo (Banyuls-sur-mer), è uno degli itinerari più belli della Francia, poiché la varietà dei paesaggi è sorprendente e notevole. Tanto impegnativo quanto indimenticabile, il GR10, duraturo da 45 a 60 giorni è un invito al viaggio, alla scoperta dei panorami più belli, delle valli e dei villaggi più belli dei Pirenei.

  • Distanza totale: 920 km
  • Tempo stimato: da 45 a 60 giorni (in media 55 giorni)
  • 55 m di D + e D-
  • Partenza: Hendaye (64) / Arrivo: Banyuls-Sur-Mer (66)
  • Marcature: rosso e bianco
  • Livello di difficoltà: 4/5. Hai una buona condizione fisica e sei preparato per escursioni di più giorni in montagna o in alta montagna.

L'Ariège che copre il 25% del GR10 è la parte rinomata il più selvaggio, il più isolato, quello che deve essere autonomo. Ma non è questo che rende il suo fascino? Da Fos in Haute-Garonne, il percorso si snoda nel bosco, da capanne a capanne, prima di arrivare qui, in Ariège, dove culmina la cresta di confine 3143m con la Pique d'Estats e dove i rilievi sono tagliati da profonde valli.

Il GR10 è una traccia breadcrumb che collega i villaggi delle nostre montagne, per incontrare le popolazioni, per scoprire la flora e la fauna dei Pirenei e tutto ciò che forgia l'identità dei nostri bellissimi Pirenei dell'Ariège.

per preparare il tuo viaggio

Topografia e specificità del GR10 in Ariège

Da Bagnères-de-Luchon (Haute-Garonne) prima ad Aulus-les-Bains, poi da Aulus-les-Bains a Mérens-les-Vals, in secondo luogo, il GR10 attraversa l'Ariège, prima lasciatela per raggiungere i Pirenei Orientali, il massiccio del Carlit e i laghi Bouillouses.

La parte Ariège è quella che deve essere organizzata al meglio, prevedendo diversi giorni di autonomia in acqua e cibo, e di notte in cabina o tenda. Puoi anche pianificare i trasferimenti in taxi.

La diversità dei paesaggi

Attraverso i Pirenei, è nell'Ariège che l'escursionista avrà la possibilità di osservare una così ampia varietà di decori. Lo stagno e il rifugio di Araing, porta del GR10 nell'Ariège, annunciano il colore: verde! Nel cuore del Parco naturale dei Pirenei dell'Ariège, capiamo da questa fase che si tratta di un natura rigogliosa, conservato e quasi inesplorato che ci accompagnerà per quasi 10 giorni.

Dai primi chilometri si svela la storia dell'Ariège: le miniere di Bentaillou, nella valle Biros, sono testimoni di un passato industriale all'avanguardia e fiorente. Le miniere furono tra le prime miniere di piombo in Francia al loro apice nel XNUMX ° secolo.

Altre miniere e cave da vedere lungo il GR10

  • Bulard Mines
  • Miniere di Salau (tungsene)
  • Balacet cave di marmo
  • Ex pozzi di estrazione ad Argentières

Scendendo, il villaggio diEylie dall'alto a 990m si svela: graziosi piccoli fienili di carattere, chiamati fienili "no bird", sul fianco della montagna, dal fascino incomparabile! 

Vecchi binari ferroviari, miniere, punteggiano il paesaggio per più chilometri, poi sostituiti da capanne, passi e stagni dei pastori.

Bethmale Lake, Col de la Core, le valli vagano al fresco delle foreste, costeggiando i torrenti di esbints ed estours per unirsi alla Riserva Valier e aggirare la vetta dello stesso nome, e infine unirsi al settore di Ustou, dove l'acqua è regina. Garbet stagno, Cascade d'Ars, è abbondante, generoso e offre scene mozzafiato.

Rispetto per l'ambiente e diversità delle specie

Escursionismo fa rima con rispetto per l'ambiente e intima osservazione della flora e della fauna. Lungo il percorso molte specie ti osserveranno, ma attenzione, niente raccolta! Incontrerai Ancolies, Asphodeles, Pyrenean Iris o persino orchidee selvatiche!
Non disturbare la fauna selvatica e osservala attentamente. Se sei discreto potresti avere la fortuna di incontrare stambecchi, cervi, camosci, marmotte!

Camminare su sentieri segnalati sembra ovvio, ma vale la pena prendere qualsiasi promemoria: per proteggere l'ecosistema bisogna camminare sui sentieri ☺

Unendo il porto di Saleix, poi il porto di Bassiès, non si può non rimanere stupiti dallo splendore offerto dal belvedere sul Stagni Bassiès, verso cui prosegue il percorso.

I laghi più belli del GR10

  • Stagno di Araing
  • Stagno di Ayes
  • Bethmale Lake
  • Stagno di Bassiès
  • Laghetto di Izourt
  • Stagno di Besines
Lac de Bethmale
Lago Bethmale © Ariège Pyrénées Tourisme / S.Meurisse

Ecco, è l'ingresso alla valle di Vicdessos! Roccioso, porterà alla scoperta di molti canyon come quello di Artigue o Marc, stagni come quello di Izourt per poi risalire verso la parte più selvaggia e unirsi al famoso vassoio beille.

Zona sia pastorale che turistica, la Piatto Beille è sicuramente uno dei luoghi più famosi e frequentati dell'Ariège. E per una buona ragione! Affacciato sulle valli circostante, offre una vista mozzafiato sulle vette più belle, pur offrendo un'area protetta ideale per passeggiate in famiglia e attività all'aria aperta (sia in estate che in inverno).

Il proseguimento del GR10 entra nella valle che porta al rifugio Rulhe, passando per il Col des Finestres e Didorte. Dal rifugio, il Rulhe peak si impone davanti a noi e vediamo, con il bel tempo, gli stagni di Fontargente a sud.

I buoni indirizzi

GITE D’ETAPE ET AUBERGE LA MAISON DU VALIER

GITE D'ETAPE E OSTELLO LA MAISON DU VALIER

GITE D’ÉTAPE LA COLLINE VERTE

STAGE GITE LA COLLINE VERTE

Refuge du Rulhe

Rifugio du Rulhe

Le viste più belle del GR10

  • Guzet
  • Pausa Pass
  • Il Core Pass
  • Il porto di Bassiès
  • Il pla de Montcamp
  • L'altopiano della Beille
Vue depuis le Col de la Core
Vista dal Col de la Core © Ariège Pyrénées Tourisme / S.Meurisse

Il percorso prosegue verso Mérens-les-vals, la fine della parte dell'Ariège, poiché prosegue sopra il rifugio e lo stagno di Besines verso i Pirenei orientali, il lago Lanoux, i Bouillouses e Settore Carlit.


Ti piacerà anche ...