Abitato fin dal periodo merovingio, come testimonia il ritrovamento di graffette e gioielli caratteristici di questo periodo, Malegoude aveva un castello fortificato dal 1062, senza dubbio situato sul sito del Fumo di Castélas, come questo sembra indicare. nome. I Lévis entrarono in possesso del territorio dopo la crociata, ma il 23 ottobre 1391 Roger-Bernard de Lévis I, incapace di onorare i suoi debiti nei confronti dell'abbazia di Boulbonne, diede a quest'ultima "la città e il luogo di Malegoude con tutte le sue affiliazioni ", riservando però metà della terra e un quarto dei diritti signorili, durante la sua vita. La maggior parte del territorio di Malegoude era quindi parte delle proprietà dell'abbazia di Boulbonne fino alla Rivoluzione.
Vicino all'Aude e già situata in una zona di pendii aridi e sotto l'influenza di un clima premediterraneo, Malegoude era una città viticola. Sfortunatamente, la fillossera ha posto fine a questa attività economica all'inizio del XX secolo.
Quello che sorprende, quando arrivi a Malegoude, è che la chiesa e il cimitero non sono nel villaggio. Malegoude essendo un villaggio molto disperso, non ci sono strade. In effetti, la scuola, che era installata nel municipio, era a metà strada tra le diverse case.
Malegoude si trova su una strada per St Jacques de Compostela, come dimostrano le 3 croci di St Jacques impiantate nel suo suolo.
La sua posizione geografica offre un panorama unico sulla catena dei Pirenei.
La città di Malegoude, situata sull'asse stradale Mirepoix-Carcassonne, si estende su una superficie di 652 ettari, a un'altitudine di 335 m, e conta 66 abitanti.
Vicino a Mirepoix e al confine con il dipartimento dell'Aude, è una delle porte dell'Ariège.

posizione

Pirenei catari

Situato ad est dell'Ariège, al confine dell'Aude, questo territorio, etichettato come "Paese d'arte e di storia", ruota intorno [...]

Scopri