Nei sontuosi paesaggi dei Pirenei dell'Ariège si nascondono tesori inestimabili. Rispondono a nomi buffi che mi intrigano: camoscio, desman, tetra lira o avvoltoio barbuto. Questi animali, ambiti e minacciati, devono essere protetti. I luoghi dei santuari esistono per consentire loro di prosperare e vedere crescere la loro popolazione. Vicino ad Ax les therms, alla fine della valle dell'Orlu, ce n'è uno, la riserva nazionale di Orlu, proprio nel ♥️ dei Pirenei.

Vers la jasse d'en gaudu ©Les Globes Blogueurs - Ariège Pyrénées
Verso la jasse d'en gaudu ©Les Globes Blogueurs – Ariège Pyrénées

È presso l'Osservatorio di montagna, luogo di sensibilizzazione e informazione della riserva nazionale di Orlu, che inizia la mia ricerca: osserva il izard, l'animale simbolo di questo territorio. Per questo sono accompagnato da Jérôme che lavora alla riserva e conosce bene gli ecosistemi e la fauna di questo spazio naturale. Ben attrezzati, ciaspole ai piedi e spinti dalla nostra impazienza, raggiungiamo velocemente il sentiero che attraversa la riserva.

Una magica atmosfera di sottobosco ci accoglie fin dall'inizio. Tra i rami spogli penetrano i primi raggi del sole. Spogliati dall'inverno, gli alberi rivelano la loro architettura.

Il sentiero è coperto da uno splendido strato di neve e segue il fiume Oriège. Inauguriamo questa copertina immacolata con i nostri passi. All'inizio, è quello che pensiamo comunque. In effeti, non ci tardiamo a individuare molte impronte che ci precedono. Invisibili ai nostri occhi, gli abitanti della foresta sono comunque presenti.

Paesaggio innevato © Les Globes Blogueurs – Ariège Pyrénées

Le loro impronte sono tanti indizi che ricostruiscono i loro passaggi e le loro abitudini. Sta a noi saperli riconoscere e leggere. I più numerosi appartengono alle volpi. E se sono per lo più sul sentiero riservato agli escursionisti, non è solo una felice coincidenza. Se scelgono di utilizzarlo è soprattutto per risparmiare energia, così preziosa in questa stagione.

Vicino alla riva, un'altra impronta ci intriga particolarmente. Delicato e appena percettibile, è complesso individuarlo. Jérôme, un fine conoscitore, è pronto a stabilire alcune connessioni. La sua risposta mi sorprende. Questa è una lontra. Sebbene rari, stanno gradualmente tornando alla riserva di Orlu. Capiamo allora perché il suo passaggio si ferma bruscamente al fiume. Si è semplicemente tuffata in acqua per continuare per la sua strada o per tornare dall'altra parte.

prima di aderire il cuore della riserva naturalenazionale di Orlu, altri animali ci lasceranno degli indizi sul loro cammino da mangiare. Stampe di lepre e scoiattolo qui e un tronco d'albero logoro dai successivi passaggi di cinghiali là.

A mezzogiorno raggiungiamo la jasse d'en gaudu, un prato immerso nella conca delle favolose montagne dell'Ariège.. Un luogo magnifico per osservare l'isard ?

Mentre prendiamo il nostro picnic, non possiamo fare a meno di scansionare i lati di queste montagne per trovarlo. È un animale completamente diverso che si incastona nella nostra attenta contemplazione: un maestoso cervo il cui mantello marrone risalta perfettamente dal manto nevoso. I panini aspetteranno un po'. Saremo premiati ancora una volta dal nostro entusiasmo perché un secondo cervo e qualche izard completeranno presto questo quadro invernale?

La silhouette slanciata del camoscio permea le nostre retine e suscita un po' di più la nostra curiosità. Così si riparte, anzi con le ciaspole, alla scoperta delle jasse d'en gaudu. La crosta nevosa, a volte rada, di questo prato è una manna dal cielo per i camosci. Lo strato erbaceo è più accessibile lì.

Alcuni punti marroni si muovono all'orizzonte. Non c'è dubbio che si tratti di un branco di camosci. Le piccole corna ricurve simili a quelle del cugino alpino, il camoscio, ne facilitano il riconoscimento.

Harde d'isards ©Les Globes Blogueurs - Ariège Pyrénées
Mandria di camosci ©Les Globes Blogueurs – Ariège Pyrénées

Dettagliamo con meraviglia le forme beige, nere e marroni dei loro abiti che conferiscono loro tutta la loro eleganza. Pur rimanendo ben sulla via autorizzata, avanziamo con cautela. Pertanto, possiamo osservare con precisione il comportamento di questi animali emblematici dei Pirenei senza disturbarli.

Il modo in cui raschiano la neve per raggiungere i germogli o le radici, questo modo di avanzare silenziosamente dall'erba all'erba o anche il fremito che percorre il loro corpo quando sentono un rumore sospetto. Ogni loro azione provoca in noi una forte emozione. Ci sentiamo davvero fortunati ad assistere a questo momento di grazia.

Inoltre, senza saperlo, siamo noi che siamo osservati! Per tre cerve! Si bloccano nel momento in cui il nostro sguardo incontra il loro. Curiosi, mantengono comunque il loro istinto selvaggio. In questo momento sappiamo che abbiamo solo una posta in gioco, per non muoverci di un centimetro. Il rischio sarebbe quello di far scivolare via questo prezioso momento, ma soprattutto di far loro sprecare energie inutilmente incoraggiandoli a scappare a tutta velocità.

Così, rimanendo il più discreti possibile, possiamo continuare le nostre osservazioni sui cervi da una parte e i camosci dall'altra. A poco a poco saziati e la luce calante, si ritirano sulle alture o nei boschetti per trascorrervi la notte.

Ancora sbalorditi, decidiamo di andare al rifugio per la notte. Senza contare sull'estrema generosità della natura che ci ha offerto un tesoro supremo: il balletto aereo di due aquile reali e un avvoltoio barbuto al tramonto.

Al calar della notte, avvolto nel piumone, sogno solo una cosa: tornare in estate per altre osservazioni di animali in un ambiente trasformato. Chissà che le adorabili marmotte a cui piace così tanto qui mi onoreranno con la loro presenza?

Laura - des Globe Blogueurs

Auteur

Laura - Globe Bloggers

Appassionato di natura, mi ubriaco di boschi, montagne e splendidi paesaggi il prima possibile. Paziente, osservo animali e piante di ogni tipo. E se mi piace prendermi del tempo, a volte provo anche alcune attività elettrizzanti!

Articoli più simili

Scopri tutte le avventure simili in Ariège Pirenei

Alla scoperta delle viscere della terra

Alla scoperta delle viscere della terra

I buoni piani del lago di Montbel

I buoni piani del lago di Montbel

In famiglia al rifugio Rhule?

In famiglia al rifugio Rhule?

Roaming Ariège, 6 giorni sul GR 107

Roaming Ariège, 6 giorni sul GR 107