Il Pic de Soularac è il punto più alto del Massif de Tabe, circondato dalle vette di Saint-Barthélemy, Galinat, Han e Mont Fourcat. Attorno a questa montagna di Tabe, alle sue vette e ai suoi laghi, si raccontano molte leggende e storie fantastiche.
L'Etang du Diable o Etang Mâle (63m di profondità), a cui si accede scendendo da Saint-Barthélemy, raccoglie tre leggende temute dagli abitanti della regione.
Tutti e tre evocano le violente tempeste e temporali su questo specchio d'acqua, un tempo probabilmente più grande, che si diceva formasse un piccolo mare.

Accesso stradale: Per raggiungere il parcheggio Moulzoune, da Montferrier prendere la Rd9 in direzione Montségur quindi, a destra, prendere la Rd909 (Monts d'Olmes). Circa 3 km dopo la frazione di Ramié, in linea retta, si svolta a sinistra sulla strada forestale denominata "Route de la mine". Questa pista conduce a un parcheggio sotto il lago Moulzoune. Attenzione al ritorno, è facile prendere la strada sbagliata: bisogna svoltare a sinistra uscendo dal parcheggio.

posizione

Pirenei catari

Situato ad est dell'Ariège, al confine dell'Aude, questo territorio, etichettato come "Paese d'arte e di storia", ruota intorno [...]

Scopri

Il tuo itinerario

mappa Lista

1 - Parcheggio Moulzoune

Dal parcheggio si prende il sentiero segnato in giallo che sale nel bosco verso sudovest. La pista costeggia quindi il lago di Moulzoune, la vecchia miniera di Fangas, e lascia il bosco con merletti importanti e dopo la "malga", arriva al passo della Porteille che si raggiunge in un'ora.

2 - Col de la Porteille

Si cammina su costoni erbacei generalmente in cresta. Il punto di vista è sublime verso la pianura, vedrete benissimo il lago di Montbel. Verso 1800 m vedrete una capanna sulla sinistra. Attraversa un recinto elettrico.

3 - Biforcazione

Si arriva al bivio del sentiero sulla sinistra, questo è l'inizio del sentiero verso l'Étang des Truites. Si lascia questo sentiero a sinistra e si prosegue dritti, sempre salendo verso il Pic. La direzione è sempre Sud / Sudovest. Si raggiunge rapidamente un valico ai piedi del massiccio del Pic. Il sentiero poi prende una chiara direzione sud.

4 - Ripiazza

Dopo la cengia, il sentiero conduce ad un piccolo bosco di pini uncinati dove la salita è più salda. I tag arancioni si mescolano con i tag gialli. Sarai in grado di soffiare su una seconda cengia che porta alla cresta rocciosa che domina l'Etang des Truites.
Salite sul forte costone sassoso, vedete in basso lo Stagno del Diavolo alla vostra sinistra. Il sentiero è ben segnalato in giallo. È dopo una traversata in leggera pendenza sul versante nord dove si incontra una sbarra rocciosa che è facile attraversare mettendo le mani una o due volte. Scalare la vetta tra i ciottoli a volte instabili non rappresenta un problema con tempo asciutto.

5 - Foto di Saint Barthélemy

Arrivo in cima al Pic de Saint Barthélemy. Il panorama si estende a nord fino a Foix e Pamiers, in lontananza a ovest possiamo vedere il ghiacciaio Maladetta (azimut 250 °).
Calcolate circa 3 ore per la discesa per lo stesso percorso fino al parcheggio.