Quando mi è stato offerto, con l'avvicinarsi dell'estate, di svolgere a roaming in solitaria su 4 tappe dello Chemin des Bonshommes (GR107) in Ariège, è senza pensarci che ho preparato il mio zaino e la mia attrezzatura per scoprire questi paesaggi a me ancora sconosciuti.

È quindi molto eccitato e impaziente di iniziare l'esperienza che lascio Tolosa per raggiungere Ax-les-Thermes e più precisamente il Passo Chioula per iniziare il primo giorno 🥳

in breve

⏰ 4 giorni di avventura
🏕️ 3 notti indimenticabili
🥾 70 chilometri
🏔️ 3000 metri di dislivello

vue-panoramique-2passeportset1baluchon
Veduta delle alte vette della riserva di Orlu © Ariège Pyrénées Tourisme / Jean Despiau

GIORNO 1: dal rifugio Chioula a Orgeix

  • Distanza: 11 chilometri
  • Dislivello +/-: 800 metri di D+
  • Durata: 4-5 ore

Dalle alture di Chioula, la vista è mozzafiato ! Possiamo osservare le alte vette del confine andorrano e l'area di Orlu di fronte a noi. Qui dominiamo l'intera vallata e abbiamo una vista a volo d'uccello di Ax-les-Thermes e del comprensorio sciistico un po' più in alto.

La discesa verso Sorgeat avviene in un ambiente ombroso e gradevole. Questo ci porta poi ad una traversata molto bucolica verso il piccolo villaggio di Ascou. Dopo un'imperdibile breve sosta alla capanna del trono, mi sposto nella valle dell'Orlu.

pecheur-orgeix-2passeportset1baluchon

Con una giornata calda e non troppo vento, un piccolo tuffo nell'Oriège era essenziale! I pescatori a mosca qui sono numerosi e dopo qualche sosta ristoratrice, arrivo alla meta della mia giornata: la staffetta di montagna di Orlu !

Foto: pescatore a Orgeix, nella valle dell'Orlu © Ariège Pyrénées Tourisme / Jean Despiau

GIORNO 2: da Orgeix a Merens-Les-Vals

  • Distanza: 18 chilometri
  • Dislivello +/-: 1000 m di D+
  • Durata: 6h

Dopo una notte confortevole, inizio questa tappa al mattino presto con la voglia di prendere un po' più di altezza scoprendo nuovi paesaggi. La topografia annuncia una lunga salita al Col de Joux e l'andamento è ben rispettato: 12 km collegano la valle del passo con una pista infinita... il punto di vista è meritato tra gli ariégeois! Con mio grande disappunto, l'arrivo al passo sarà accompagnato da un fitto
strato nuvoloso che non impedirà di godere della vista a 360° offerta dal luogo in tempi normali.

Non mi sono lasciato scoraggiare e dopo una buona merenda preparata con cura dal Relai Montagnard, ho intrapreso la seconda parte della tappa: la discesa a Mérens Les Vals.

Approfitto qui di essere stato raggiunto da Ronan, un amico del posto, per eseguire quest'ultima parte. I dintorni del passo sono magnifici: verdissimi e molto selvaggi. Incontriamo alcuni cavalli di Mérens che vagano liberamente su questa montagna selvaggia, razza caratteristica della zona.

eglise-romane-de-merens-2passeportset1baluchon
Chiesa romanica di Merens © Ariège Pyrénées Tourisme / Jean Despiau

Passaggio alle terme a seguire la notevole chiesa romanica dell'XI secolo prima di raggiungere l'alloggio per la serata: l'affascinante Auberge du Nabre! È stata una giornata difficile e il resto è molto apprezzato.

GIORNO 3: da Porta a Cabana dels Esparvers

  • Distanza: 16 chilometri
  • Altitudine +/-: 1000 m / 450 m
  • Durata: 5-6 ore di cammino

Per questa nuova tappa, sono affiancato da Caroline di Tourisme Ariège che mi accompagnerà per i prossimi 2 giorni. Viene a prendermi la mattina presto in ostello e guidiamo fino a Porta.
Abbiamo scelto di saltare la tappa 8 che va da Mérens a Porta per girare in questa parte transfrontaliera che ci è più consigliata.

Fin dall'inizio, il palco mantiene le sue promesse! I paesaggi non hanno nulla a che vedere con quelli dei giorni precedenti. Molto meno boscosa ma una piccola valle dove la pastorizia è ovunque, al ritmo del suono dell'acqua che percorre questa bellissima vallata. Siamo osservati da tanti curiosi, attenti al nostro itinerario e pronti ad avvertire del nostro possibile avvicinamento.

Arriviamo alla Portella Blanca che simboleggia il triplo confine franco/spagnolo/andorrano e ci spostiamo verso la nostra base per la sera. Ci rechiamo nella zona della baita Esparvers per organizzare il campo.

arrivee-frontiere-2passeportset1baluchon
Triplo confine © Ariège Pyrénées Tourisme / Jean Despiau

GIORNO 4: da Cabana dels Esparvers a Viliella

  • Distanza: 10km
  • Altitudine +/-:
  • Durata: 3-4 ore

Non appena metti il ​​naso fuori dalla tenda la mattina presto, le nostre amiche marmotte sono lì a fischiare!

Rompiamo il campo per iniziare la nostra ultima discesa verso il punto finale di questa avventura.. Questa parte è semplice, c'è solo la discesa in rigogliose e rilassanti foreste di abeti. Molti spagnoli sono presenti in questo Valle di Llosa per crogiolarsi intorno al ruscello rinfrescante e affascinante.

È con tante belle immagini nella mia testa e sulla mia scheda di memoria che concludo questa avventura sul Chemin des Bonshommes. Questa zona che conoscevo poco, se non del tutto, merita di essere scoperta di più. Non vedo l'ora di tornare a queste impostazioni che mi sono piaciute molto!

clap-de-fin-2passeportset1baluchon
Clap finale sul GR107 © Ariège Pyrénées Tourisme / Jean Despiau

Jean Despiau

Auteur

Giovanni Despiau

Grande amante dell'avventura e della montagna, sono costantemente alla ricerca di nuove scoperte e nuove sfide! Con un attaccamento speciale ai Pirenei, mi dirigo regolarmente verso i suoi numerosi sentieri. Mai separato dalla mia macchina fotografica, mi piace immortalare questi momenti in immagini. Cerco storie da raccontare, sempre con la voglia di esprimerle attraverso immagini originali, forti e allo stesso tempo semplici. Quello che cerco di congelare con la mia materia sono momenti di vita, paesaggi, sensazioni, emozioni e incontri.

Articoli più simili

Scopri tutte le avventure simili in Ariège Pirenei

Con la famiglia al rifugio Rhule 🗻

Con la famiglia al rifugio Rhule 🗻