Questo roadtrip ti farà scoprire il destinazione Ariège Pirenei, segnata dalle fiere e abbaglianti "cittadelle della vertigine". Alla scoperta del Catarismo, della tragica storia dei compagni, di un passato specifico della Linguadoca.

1 giorni
🕧 Tempo di guida: 2h10
🚘 134km (partire)
📍 Partenza arrivo : Foix / Peyrepertuse

Castello di Foix

Castello di Roquefixade

Castello di Montségur

Castello di Quéribus

Castello di Peyrepertuse

giorno 1

  • Partenza da Foix

FERMATA N ° 1: Foix e il suo CASTELLO

Prima tappa del tuo percorso: la città medievale di Foix!

Città inespugnabile, Foix rimarrà intatto durante la crociata contro gli Albigesi, quando conoscevamo benissimo la propensione al catarismo dei Conti di Foix ... Perché questo? Grazie ad una posizione geografica privilegiata, che fa della contea di Foix una vera e propria "chiusa", che segna l'ingresso a valli profonde e difficili da attraversare. I sobborghi di Foix furono devastati, ma il castello non fu mai raggiunto grazie all'arsenale difensivo dell'alto Ariège con Calamès, Quié, Miglos, Montreal. Queste valli erano un vero spietato per gli attaccanti!

È così che Foix offre oggi un imponente castello, posto su uno sperone roccioso, con vista sul Prat d'Albis o Terrazze Pech lasciare senza parole, per quanto una visita allo spazio museale possa sorprendere i viaggiatori.

O dormire? Dove mangiare ?

CH L’ ARCHE DES CHAPELIERS – 6 PERS.

CH L 'ARCHE DES CHAPELIERS - 6 PERS.

CH LA MIRANDOLE – 2 PERS.

CH LA MIRANDOLE - 2 PERS.

CH CHEZ MAX ET SYLVIE

CH AT MAX E SYLVIE

CH GOURCE – 2 PERS.

CH GOURCE - 2 PERS.


giorno 2

  • Roquefixade e Montségur
  • Percorso: Foix ➡️ Roquefixade ➡️ Montségur

FERMATA N ° 1: Roquefixade, arroccato sulla scogliera di fronte a Montségur

  • Foix ➡️ Roquefixade
    🚘 18 km 🕧 20 min

Tra Foix e Montségur, due mastodonti della storia catara, fanno tappa al castello di Roquefixade !

Château de Roquefixade Ariège
Castello di Roquefixade © Ariège Pyrénées Tourisme / S.Meurisse

Dall'XI secolo, si trova di fronte a quello di Montségur. Raimon de Pereille, è anche il conte dei due, nel XIII secolo. La vista dal castello abbraccia il Massicci di Arize, il picco dei 3 signori e Saint Barthélémy. Era un luogo di rifugio per i compagni, ma fu purtroppo preso da Simon de Montfort nel 1212.

FERMATA N ° 2: Montségur, simbolo del martirio cataro

  • Roquefixade ➡️ Montsegur
    🚘 15km 🕧 17 min

Quindi vai a incontrare il Castello di Montségur ! È ovviamente noto per il suo spaventoso rogo nel marzo 1244, dove centinaia di catari furono bruciati dalla Chiesa e dal Regno di Francia per eresia, rifiutandosi di rinunciare alla loro fede. Era una delle ultime roccaforti catare conquistate da Simon de Montfort dopo mesi di assedio e un tentativo di cattura alla vigilia di Natale del 1243. Che dire di questa fortezza così famosa, arroccata sul suo pog a 1207 m di altitudine, se no? sembrava irraggiungibile?

Oggi, Fabrice, guida del castello, riporta in vita la storia dei catari che vivevano nel castello dai tempi del loro conte Raimon de Pereille fino al momento della sua ricostruzione da parte della famiglia Lévis.

Abbassati per guardare il castello sottostante: puoi vedere il villaggio di Montségur, costruito con le pietre del primo castello di Montségur, distrutto nel XIII secolo. Inoltre, dai un'occhiata al file Museo di Montségur, completerà perfettamente la visita guidata di Fabrice.   

Mmmh buon pane d'altri tempi

Prenditi il ​​tempo per fermarti al panificio "Le Pain De Montsegur" ! Il pane vecchio stile di Cyril Delmas è solo una delizia! Cotto a legna, realizzato con farina biologica ricavata dalla macina, mantiene il gusto e la qualità del pane antico.

O dormire? Dove mangiare ?

La Maison sous le Château

La casa sotto il castello

CHAMBRES D’HÔTES LES DEUX PETITS POIS ( B&B)

BED AND BREAKFAST LES DEUX PETITS POIS (B&B)

RESTAURANT « A LA PATATE QUI FUME »

RISTORANTE "FUMO DI PATATE"

CHAMBRES D’HÔTES « LE PELERIN »

BED AND BREAKFAST "LE PELERIN"

         

Attenzione ultimo passaggio in Ariège con ritorno ai nostri vicini Aude!

Se vuoi continuare ad esplorare i castelli catari nell'Ariège Pyrénées, puoi anche andare a:


giorno 3

Fermata n ° 1: Queribus, nido d'aquila sullo sperone

  • Montsegur ➡️ Quéribus
    🚘 89 km 🕧 1h43

Soprannominato il "dado al dito", Quéribus sarà l'ultimo baluardo a cadere nelle mani del regno di Francia nel 1255, dopo aver reso possibile essere un rifugio per i catari inseguiti, e aver difeso orgogliosamente l'Aude di Simon de Monfort. Arroccato su uno sperone roccioso a 728 m di altitudine sopra il paese di Cucugnan, veglia sui territori che si estendono da Corbières a Roussillon, offrendo panorami mozzafiato sul Mar Mediterraneo e sui Pirenei!

Si dice che sia uno dei 5 figli di Carcassonne.

FERMATA N ° 2: Peyrepertuse, la celeste Carcassonne

  • Quéribus ➡️ Peyrepertuse
    🚘 11 km 🕧 22 min

Infine, l'ultima tappa del tuo viaggio cataro, fermati a Castello di Peyrepertuse.
In cima a una scogliera calcarea a un'altitudine di quasi 800 m, Peyrepertuse gode di una straordinaria vista panoramica sul massiccio delle Corbières. È soprannominata "la celeste Carcassonne"! Perché ?

Ebbene, perché era il più grande di tutti i castelli dei “cinque figli di Carcassonne” ed era vasto quanto la città stessa!

Il castello e il suo capo, Guillaume de Peryrepertuse, erano un rifugio cataro, lo stesso Guillaume era un brav'uomo. Peyrepertuse, come gli altri, non volle sottomettersi e non cadde nelle mani del regno di Francia fino a dopo l'assedio di Carcassonne nel 1240. 

Lungo il percorso potrai anche fare una sosta in molti altri castelli catari, alcuni dei quali fanno parte delle "21" o "cittadelle della vertigine". 

Fine del viaggio!


Se ti piace il roadtrip, scopri anche ...