Il Tour du Biros è un sentiero escursionistico di campagna (GRP). Questo percorso prende sezioni del GR10 e consente una dolce iniziazione alla pratica dell'escursionismo nei Pirenei, godendosi i magnifici paesaggi dell'Ariège e sorprendenti scoperte legate alla storia mineraria della regione.

Siamo andati per un fine settimana di tre giorni per fare questa escursione, ma puoi optare per una versione estesa di 5 giorni di cammino sulle montagne dell'Ariège. Accessibile per escursionisti principianti, e per ragazzi, richiede però le classiche precauzioni per le passeggiate in montagna (non partire troppo tardi, essere ben ferrati ed attrezzati…).

In poche parole

Distanza percorsa in 3 giorni: 35km
Elevazione positiva: circa 2300 m
difficoltà: alcuni passaggi vertiginosi e una salita al laghetto Araing piuttosto ripido, ma niente di insormontabile per i principianti.

Arriviamo venerdì sera all'alloggio di Eylie, sopra il villaggio di Sentein. Dopo un caldo cassoulet, torniamo nei dormitori dell'alloggio per trascorrere la nostra prima notte in Ariège.

Giorno 1

  • Parcheggio Anglade (815 m) - Rifugio Araing (1965 m)
  • Distanza: 9km
  • Durata media: 3h30 - 4h passando per la cappella dell'Izard
  • Dislivello: D + 1100 m

Il giorno dopo, facendo colazione sotto la pioggia battente, abbiamo deciso di posticipare di qualche ora la nostra partenza per lo stagno di Araing. Approfittiamo di questa battuta d'arresto per discutere del sito minerario con Claude.  

Claude è il custode della casa di Eylie da 40 anni. Con Nelly accoglie per tutta la stagione gli escursionisti dei Pirenei. Autore di diversi libri sul patrimonio della valle di Biros, ci fornisce numerose informazioni sui resti che incontreremo lungo il nostro cammino.



All'improvviso, una radura ci decide di partire. Approfittando di magnifici cieli, passeremo il resto della giornata tra le gocce. In direzione dello stagno Araing, seguiamo un ruscello dopo aver superato i granai pastorali tipici della regione. Con l'aiuto dell'autunno, il sentiero, ricoperto di foglie cadute, dà un'aria di passeggiata incantata all'inizio dell'escursione. Arrivati ​​ad un primo incrocio, decidiamo di prendere il ponte sulla destra per andare a fare un picnic presso la cappella dell'Izard. Puoi anche prendere il sentiero a sinistra se vuoi arrivare più velocemente al rifugio. La cappella è incantevole, la vista magnifica e il tabulé preparato da Nelly delizioso.



Dopo il pasto, il pendio si fa ripido e ci incamminiamo più lentamente fino ai piedi della diga. Tutto in pietre, le montagne che lo sovrastano, è spettacolare.

Più in alto vai, più i paesaggi diventano gialli. Quando arriviamo al rifugio, Anoura sta imbottigliando il suo vino ai mirtilli.

Anoura detiene il rifugio dello stagno di Araing da vent'anni. Cuoco di formazione, si fa, con piante raccolte a mano, i vini macerati, i liquori e il gelato che si possono degustare al rifugio.

giorno 2

  • Rifugio dello stagno Araing (1965 m) - Gîte d'Eilye (1000 m)
  • Distanza: 9km
  • Durata media: 3h30 + 30 min per il viaggio di ritorno alla vetta dell'Har
  • Dislivello: + 300 m (+ 200 m per la vetta dell'Har) -1230 m

Presa la colazione, recuperati i picnic, si riparte verso la diga, ma invece di scendere a valle, si attraversa il crinale di fronte che ci porterà al sito minerario di Bentaillou. Saliamo alla vetta Har nella nebbia ma una volta in cima le nuvole si incastrano nella parete sud e la vista dello stagno e delle creste è incredibile.

Durante la discesa verso le miniere, in mezzo a erbe ingiallite e pareti di rocce nere, si scopre il sito di Bentaillou. Essendo uno dei più grandi siti minerari dell'Ariège e dei Pirenei, operava tra i circoli del XIXe e XXe secolo. Per estrarre il piombo e lo zinco che hanno dato vita alla regione all'inizio del XX secoloe secolo, più di 300 minatori sono rimasti nelle baracche.

Dopo una rapida esplorazione del sito (attenzione, non è sicuro), mentre seguiamo il sentiero sotto la caserma, un cane che abbaia ci ferma. Un patou tiene un gregge di pecore, sparse in mezzo alla strada. Con i due cani preferiamo aggirare il guardiano, che non sembra giocoso, prendendo un sentiero un po 'più basso. Il resto dell'escursione procede senza intoppi e dopo pochi minuti lasciamo il livello della montagna per ritrovarci in mezzo a boschi dai colori autunnali.

Arrivata al lodge, Nelly prepara un crumble di mele, una specialità dell'Ariège. Gli amici tornano negli Alti Pirenei e discutiamo con Claude sulle vecchie operazioni minerarie.

Giorno 3

  • Rifugio dello stagno Araing (1965 m) - Gîte d'Eilye (1000 m)
  • Distanza: 9km
  • Durata media: 3h30 + 30 min per il viaggio di ritorno alla vetta dell'Har
  • Dislivello: + 300 m (+ 200 m per la vetta dell'Har) -1230 m

Oggi terminiamo la nostra escursione sui Pirenei con una tappa più forestale, con poco dislivello. All'alba, iniziamo la nostra progressione verso la staffetta di montagna di Bonac prendendo il GR10E. Attraversati due ponti, la vista verso il centro dello smistamento di Eylie si rivela alla nostra sinistra tra due nuvole. Entriamo nel bosco, da cui usciremo solo un'ora dopo, deliziati, con un sacco pieno di funghi.

Il sentiero è poi ricoperto di felci ed eriche, prima che la nebbia ci avvolga. La fitta nebbia ci circonda per diversi chilometri, fino all'ultimo bosco, che scende verso il paese. Il sentiero, allargato e ricoperto da un tappeto di foglie d'arancio, rende l'atmosfera magica.

All'ingresso del grazioso villaggio di Bonac, passiamo a destra della Vergine per unirci alla staffetta di montagna. In questa ex canonica, Sylvain, Max ed Eleonore, assistiti da un woofer, ospitano e nutrono gli escursionisti. Forniscono anche pasti alla mensa del villaggio di Sentein e organizzano concerti una o due volte a settimana in stagione. Un piccolo negozio di alimentari, oltre ai consigli di Antoine, può aiutare gli escursionisti.

Sulla strada per gli Hautes-Pyrénées, il panificio a destra all'ingresso del villaggio di Castillon ci rifornisce di croustades, specialità locale.

Poche ore e una doccia calda dopo, preparo il menù di stasera: gambi di funghi fritti, finferli, zampetti di montone saltati, frittate di testa di porcini e crumble ai mirtilli.

Eva - Les Others

Auteur

Eva - Gli altri

Originario degli Hautes-Pyrénées, mi piace guidare, camminare, il tè caldo, la pioggia, le brioche allo zafferano. E poi anche, viaggi e fotografia, per raccontare le mie storie.

Articoli più simili

Scopri tutte le avventure simili in Ariège Pirenei
Con la famiglia ?

Le mie idee per passeggiate a che fare con piccoli pezzi