Non è un segreto ma ogni ciclista sogna di scalare un passo da solo sulla strada per assaporare ogni tornante adattandone la traiettoria, godendosi il paesaggio e soprattutto sudando in sicurezza e senza stressarsi di essere sorpresi da un'auto pazza.
Questo sogno, ho potuto realizzarlo più volte, lo scorso giugno sul circuito dei 5 passi dell'Ariège Pirenei. Abbiamo avuto 4 giorni per scoprire alcuni dei percorsi che la destinazione ha da offrire ai ciclisti e se dovessi sceglierne solo uno per voi e anche se la scelta è difficile, consiglierei questo.

Il circuito dei 5 passi dell'Ariège

Abbiamo scelto di farlo nella direzione consigliata da Ariège Pyrénées Tourisme (a cominciare da Port de Lers). Abbiamo lasciato il Gite des Châtaigniers de Florac (un ottimo benvenuto in bicicletta) abbastanza presto da Surba per affrontare i 103 km e 2400 m D+. Come suggerisce il nome, sono in programma 5 pass e si inizia con Port de Lers (nota: Port significa Pass, non cercate una barca nonostante il laghetto sottostante, incontrerete più parapendio che pescatori, anche se…)

Il porto di Lers

Anche se la partenza dal lato del traffico non è molto piacevole (sarà l'unico momento sui 103km), è per assaporare meglio il resto dei chilometri dove la strada ti è aperta... molto altrimenti è meno divertente. Questa prima salita è sicuramente la più lunga e difficile della giornata.

Port de Lers à vélo
Porto di Lers in bicicletta © Anne Dubndidu



Fortunatamente la freschezza dell'altitudine, le cascate di neve che si scioglie e il paesaggio che si scopre oltre i chilometri con il dislivello medio troppo ottimistico ci spingono a proseguire a ritmo regolare di pedalata. I passi dell'Ariège sono piccoli burloni perché la percentuale della salita non rivela quanto possano essere fragili le porzioni. Oltre 1km, puoi perdere il 3% su cento metri prima di attaccare un muro dell'11%… ma la media sul terminale rimarrà motivante, a differenza della sensazione delle tue cosce.

Quindi, non ci si tira indietro perché questi passi sanno anche distrarci grazie alla loro calma (non al rumore di una moto o di un camper trafelato) e alla loro bellezza incontaminata.

Passaggio per il Col d'Agnes

Superato il Port de Lers, ci dirigiamo verso il Col d'Agnès, il 2° della nostra lista. Nel frattempo ci godiamo una dolce discesa sul verde altopiano che accoglie lo stagno di Lers dove le mucche hanno preso dimora proprio all'ora dell'aperitivo di mezzogiorno. Ci fermiamo per qualche foto (e vi consigliamo di fare lo stesso senza dimenticare di tagliare il cronometro sul bancone) prima di risalire al Col d'Agnès. È breve ma intenso.

Alla fine, l'altra foto sul pannello ci tende le braccia ma… lo scatto da non perdere è all'inizio della discesa sul panorama completo.



Attenzione, la discesa è piuttosto tecnica e lunga fino alla pausa picnic ad Aulus-les-Bains ma, come su tutti i nostri percorsi, la strada è in ottime condizioni ei pochi automobilisti di passaggio vi prestano molta attenzione. Lo stomaco piange fame, va bene perché il villaggio è perfettamente attrezzato per accogliere i ciclisti: minimarket, bar, servizi igienici, pulizia pubblica con carta igienica (si avete capito bene, non c'è bisogno di un cespuglio!), fontanella. Cos'altro ?


Eh si, incontrare tanti altri appassionati di ciclismo con cui chiacchierare e parlare per trovare altri percorsi… per la prossima volta. Non entreremo nel dibattito su quali taglie salgono più velocemente, l'importante è che saliamo tutti!

Il Col de Saraillé

Dobbiamo già prendere la strada perché ci aspetta il 3° passo del nostro percorso. Più discreto, è per me un gioiellino ben nascosto. Chi dice nascosto, dice strade solo per te, quindi non fare troppo rumore neanche il corso. Direzione il Passo Saraillé : attraversiamo bei paesini tranquilli con i famosi fienili Cominac. La vista è completamente libera sulle montagne le cui cime sono ancora innevate. Le gambe iniziano a stancarsi ma a parte un gran calcio di testa per avvicinarsi il più possibile ad una chiesetta, la salita è regolare.

Il Col de Caougnous poi il Col de Port

Una volta al passo, anche la discesa è piacevole fino al massat, il nostro ultimo punto di rifornimento idrico sulla piazza del paese prima di affrontare la doppia e ultima salita del percorso: la Col de Caougnous seguito da Col de Port, dei 2 in 1 che non si può rifiutare. La strada è calda, ma una leggera brezza ci rinfresca. Questi ultimi chilometri non hanno percentuali micidiali, anzi, siamo felici di aver scelto questa direzione del percorso. Arrivato al Col de Caougnous, il mio compagno mi suggerisce di fare una piccola deviazione presso il muro di Péguère indicato a sinistra. L'abbiamo scoperto il giorno prima e stranamente una seconda salita non mi tenta, ma lascerò lì questo suggerimento se ne avrete voglia!

Col de Port © Anne Dubndidu



Gli ultimi chilometri al Port de Lers si lasciano andare e veniamo accolti in cima da alcune mucche di supporto e soprattutto dalla barra salvatrice dell'Auberge du Col de Port. Un po' di Orangina mentre assapori questo quinto pannello fotografico (non dimenticarlo mai) e il paesaggio.

Scendiamo dolcemente (o no perchè un tuffo in piscina ci fa) su strada ben sgombrata e tenuta. Il caldo del ritorno in bassa quota bagna le nostre maglie già puzzolenti, il contatore lampeggia, i 100 km sono percorsi... più di qualche alla piscina (l'avevo già detto?)

Troviamo il nostro alloggio con le cosce stanche, le natiche doloranti ma gli animi soddisfatti. Oh! Abbiamo avuto i nostri occhi e le nostre gambe piene di loro, abbastanza per rendere felice qualsiasi ciclista.Ora tocca a te esplorare questi percorsi manque e se sei a corto di idee, ho esplorato altri percorsi che ti dico direttamente sul mio blog!

Anne Dubndidu

Auteur

Anne Dubndidu

Amante dei grandi spazi e degli sport di resistenza, non perdo mai occasione per unire le mie due passioni, nel rispetto dell'ambiente. Molto impegnata nella femminilizzazione del ciclismo e del trail running, condivido i miei itinerari e le mie sfide per incoraggiare tutti a iniziare e divertirsi in queste attività.

Articoli più simili

Scopri tutte le avventure simili in Ariège Pirenei

Tour in mountain bike del Lago di Montbel

Tour in mountain bike del Lago di Montbel